Primavera 3

Il Catania “liquida” la Virtus Francavilla con le reti di Bianco e Russo

In prestito dalla prima squadra, in campo, oltre gli autori delle reti, anche Frisenna

25.09.2021 16:34

di Vincenzo La Corte

Almeno 300 spettatori salutano a Torre del Grifo e plaudono i ragazzi 2003 e 2004 guidati nuovamente da Orazio Russo, che ritorna ad allenare la maggiore giovanile dopo un paio di stagioni impegnate da tecnico della Under 17. Le reti, maturate entrambe nella prima frazione di gara, portano la firma di Bianco e Russo, entrambi prestati dalla prima squadra insieme a Frisenna. Due fuoriquota, dunque, schierati titolari nella gara inaugurale della stagione 21/22: l’attaccante Bianco e il centrocampista Frisenna. Russo, invece, torna al centro dell’attacco, nel ruolo che fu suo già la scorsa stagione. Nella ripresa non cambia il risultato, anche se il subentrato Aquino ci tenta in ogni modo possibile, ma la sfortuna gli nega la gioia del gol. Da segnalare anche una rete di Tropea sul filo del fuorigioco, annullata dal signor Arculeo. Nella seconda giornata, sabato 3 ottobre, trasferta in terra pugliese, con i rossazzurri ospiti del Bari.

 

Catania 2 - 0 Virtus Francavilla

Catania: Coriolano; Napoli, Scaletta, Giannone, Panarello, Caramanno, Tropea (37' st Russi), Frisenna (28' st Cannavò), Russo, Limonelli (28' st Biondi), Bianco (1' st Aquino). A disposizione: Vadalà, Romeo; Magrì, Papale, Patanè, Al Sein, Maltese, Nicolosi. Allenatore: Russo.

Virtus Francavilla: Cassano; Rizzo (11' st Miccoli), Parisi (25' st Giovine), Pugliese, D'Ambrosio, Quarta, Pendinelli (19' st Santoro), Salvemini, Buglia, Padovano (1' st De Maria), Albano (1' st Caserta). A disposizione: Negro; Schiavo, Franco, Marangione, De Giorgi. Allenatore: Zangla.

Reti: pt 24' Bianco, 42' Russo

Arbitro: Arculeo di Catania.

Assistenti: Sorace e Litrico, di Catania.

Note: Ammoniti: Santoro e Buglia (V) recupero: 2' pt e 5' st.

Palermo. Spettacolo e gol al "Pasqualino" tra rosanero e galletti
All’esordio buona gara ma sconfitti di misura i messinesi