Pierpaolo Alderisi, allenatore selezione Under 17 FIGC Sicilia
Le Interviste

Alderisi: «Spero che i migliori talenti regionali abbiano le possibilità che meritano»

«Rammaricato per il rinvio del Torneo delle Regioni, ma il lavoro continua»

14.04.2022 18:00

Come noto, su disposizione della Lega Nazionale Dilettanti, è saltato il Torneo delle Regioni per la terza stagione consecutiva. Si è deciso pertanto di rinviare alla stagione 2022-2023 lo svolgimento del torneo per entrambi le edizioni dedicate al calcio a 11 e al futsal che si sarebbero svolte proprio in prossimità del periodo pasquale. Del movimento siciliano e in particolare dei ragazzi classi 2005 e 2006 abbiamo parlato con l'allenatore professionista Pierpaolo Alderisi, selezionatore della Under 17 FIGC Sicilia.

Purtroppo si deve registrare l'ennesimo stop ad uno dei tornei più seguiti insieme con il Viareggio

«Ce ne rammarichiamo tutti: noi dello staff tecnico, ma ovviamente tutto il comitato regionale con in testa il presidente Morgana. Considerata la situazione si è ritenuto che non ci fossero più i presupposti tecnici ed organizzativi per proseguire. Un vero peccato!»

Dopo la nomina in qualità di selezionatore della squadra Under 17, aveva sin da subito organizzato al meglio raduni e convocazioni nell'ottica di visionare la migliore gioventù siciliana della classe 2005/06

«Insieme allo staff abbiamo diviso il lavoro in più fasi per cercare di strutturarlo al meglio nonostante il poco tempo a disposizione. Abbiamo inizialmente visionato quasi 120 gare, allacciando rapporti con le Società e presentando loro la nostra metodologia di lavoro.
Poi abbiamo dato inizio ad una fase di selezione convocando circa 200 giovani calciatori precedentemente visionati e già schedati. Ogni calciatore convocato è stato poi inquadrato in una specifica fascia di livello secondo criteri precedentemente elaborati dal nostro gruppo di lavoro. Si è poi passati ad una fase di valutazione nella abbiamo convocato gli elementi prescelti osservando le loro capacità secondo una griglia di valutazione anch’essa ideata e redatta da me e dallo staff tecnico. La squadra era pronta per entrare nella fase di preparazione al Trofeo delle regioni».

Sarà stato già difficile ricompattare i ranghi ed intervenire al riguardo dopo due stagioni letteralmente andate in fumo; come agire adesso nel convincere i ragazzi a fare ugualmente tesoro di quanto appreso?

«Negli ultimi due anni, a pagare le conseguenze più elevate di questa pandemia, sono stati soprattutto i giovani. Dobbiamo cercare di restituire loro qualcosa. È nostro dovere! Il futuro di questo sport è rappresentato dai ragazzi che ad ogni livello lo praticano. Dobbiamo preservare il futuro di questo sport…dobbiamo preservare e sostenere i settori giovanili».

Fare parte di queste importanti selezioni è sicuramente motivo di orgoglio e grandissima vetrina, considerato che tra le rappresentative siciliane, nel calcio a 11. proprio l'Under 17 ha portato complessivamente 6 primati, terza performance nazionale dopo le 7 della Lombardia e le 11 del Veneto

«La selezione regionale dà questa meravigliosa opportunità. Non è semplice entrarvi perché gli standard prestativi a cui rispondere sono elevati. Chi riesce a superare le selezioni tuttavia può giocarsi delle chance di visibilità che sono rare in altri contesti. Inoltre avere la possibilità di rappresentare la propria terra in un evento nazionale è qualcosa che ti riconcilia con i valori stessi dello sport».

Peraltro i ragazzi che oggi lei seleziona e prepara potrebbero essere le fondamenta della formazione Juniores della prossima edizione

«In realtà ciò che mi auguro è di vederne il meno possibile la prossima stagione, perché vorrebbe dire che molto di loro sono approdati in realtà professionistiche. Questo è uno degli obiettivi delle Selezioni Regionali».

Ovviamente il lavoro non si ferma, i nostri migliori auguri per ciò che verrà, riguardo la prossima edizione

«Al momento continuo a visionare partite e giovani calciatori per conto della Lega nazionale ed in funzione delle convocazioni alle selezioni nazionali di ogni categoria. Lo faccio con grande attenzione cercando di mettere in evidenza i migliori talenti regionali. Ne abbiamo tanti. Spero che ognuno di loro, anche attraverso il mio lavoro, possa avere le possibilità che merita».

Dal metodo tradizionale al metodo integrato fino alla periodizzazione tattica
I genitori degli iscritti all’Academy Calcio Catania, dei ragazzi delle giovanili rossazzurre e delle sezioni femminili: "Grazie a dirigenti, tecnici e collaboratori"